Carta a microchip – Smartcard

esempi di carte a microchip

 

 

 

 

Dispositivo con possibilità di elaborazione e memorizzazione di dati ad alta sicurezza. La smartcard è fatta di un supporto di plastica nel quale è inserito un microchip, collegato a una interfaccia di collegamento che può essere di contatto o una antenna. Il microchip fa elaborazioni e memorizzazione dei dati; l’interfaccia permette al microchip di inviare e ricevere dati.

Smagnetizzazione

disegno di un disco magnetico con croce di colore rosso (blocco)

 

 

 

 

 

Operazione con la quale si eliminano le registrazioni magnetiche di un supporto di registrazione di massa, per cancellare fisicamente i dati registrati. L’operazione è fatta per motivi di sicurezza, i dati cancellati non possono essere recuperati.

Skimming

fotografia di un terminale Bancomat

 

 

 

 

 

Il termine significa lettura veloce. La tecnica consiste nel copiare, fotografare o filmare documenti nei quali sono presenti i dati riservati (ad esempio la carta di credito, la tessera Bancomat, ma anche il PIN del Bancomat). Ad esempio, possono essere usate videocamere nascoste, poste in modo da riprendere la tastiera della postazione selfservice Bancomat.

Sincronizzazione

immagine con un PC e uno smartphone che visualizzano gli stessi dati

 

 

 

 

La disponibilità dello stesso tipo di applicazioni e degli stessi documenti permette di lavorare su postazioni fisse e su diversi dispositivi mobili, secondo le esigenze. Da questo nasce la necessità di mantenere aggiornati allo stesso livello i contenuti di tutti gli strumenti usati, ossia di sincronizzare i dati. Con questa operazione si ha la garanzia di poter usare senza problemi i dati da uno qualsiasi degli strumenti.